Home Melgi.it > Curiosità
Aosta, 31 ottobre 2002
Mi è arrivata la solita mail allarmante.
Questa volta a essere presa di mira dalla fantasia popolare
è la famigerata RAI e il suo famigerato Abbonamento...

Mi scrivono:



ATTENZIONE - Sembra che ci siano in circolazione dei dipendenti della Rai (VERI!!) che passano per le case e ti chiedono il pagamento di un bollettino postale di 27,00 Euro e di firmare un modulo.
Loro dicono si tratti di differenze sul canone di abbonamento annuale di affrettarsi a pagarlo per evitare sanzioni.
In realtà con questo bollettino si sottoscrive un periodo di prova di due mesi a RAISAT, dopodiché il Vostro canone annuale verrà aumentato automaticamente dell'abbonamento al canale satellitare.
PERTANTO, se doveste incappare in qualcuno di questi personaggi,
NON FIRMATE E NON RITIRATE NIENTE!!!!!!
Diffondete il messaggio, grazie.




In data odierna mi sono preso il mal di pancia di andare allo sportello abbonamenti RAI della sede regionale di Aosta in via Chambéry per chiedere chiarimenti sulla presunta bufala.
Mi è stato confermato il dubbio e mi è stato spiegato che il personale RAI sta effettuando dei controlli per verificare il regolare abbonamento televisivo (precisandomi che non si tratta di un abbonamento alla RAI ma di una tassa governativa) e che il pagamento di 27 euro (che, per essere precisi, è di 27,01) equivale alla cifra da pagare per i mesi di Ottobre, Novembre e Dicembre nel caso in cui non si fosse ancora provveduto a mettersi in regola con l'abbonamento...

Dal mese di novembre 2003, tale cifra sarà inferiore (mi pare sui 18 euro) e comunque non ha nulla a che vedere con gli abbonamenti di prova RAI SAT citati nella mail...

Questo è quanto spiegatomi dalla responsabile dell'ufficio abbonamenti della RAI di Aosta.

Un saluto a tutti - Melgi

Per ulterioriori informazioni: www.RAI.it, oppure Abbonamenti.RAI.it